Caratteristiche del gattoNel presentare le caratteristiche del gatto non si può prescindere dalla sua innata indole predatoria. Proprio la spiccata abilità nella caccia, la meticolosa tattica dell’agguato preparato con attenzione e pazienza, lo scatto bruciante dell’inseguimento, il velocissimo balzo per catturare la preda, sono tra i principali aspetti che contraddistinguono il nostro piccolo amico, capace di apparirvi davanti improvvisamente, senza produrre alcun rumore, e sparire altrettanto rapidamente, senza che neanche ce ne accorgiamo.

Caratteristiche del gatto: aspetti biologici

Di seguito, riportiamo alcune caratteristiche del gatto (quelle biologiche principali), unitamente a qualche simpatica curiosità:

  • la temperatura corporea oscilla normalmente tra i 38°C – 39°C
  • la frequenza respiratoria varia in genere tra i 20 e i 40 atti al minuto
  • la frequenza cardiaca oscilla generalmente tra i 110 e i 140 battiti al minuto
  • può dormire mediamente anche 16 ore al giorno (ma è sempre all’erta)
  • ha 30 denti e grazie ai suoi straordinari succhi gastrici può ridurre in poltiglia anche l’osso più duro.

In base alla razza e alla taglia, il maschio del gatto raggiunge la pubertà generalmente tra i 5 e i 7 mesi, la femmina invece all’incirca tra i 6 e i 12 mesi. Il gatto è un animale territoriale, marca il territorio emettendo feromoni e la sua zona può raggiungere un perimetro di oltre 5 km nei dintorni della sua casa. L’intestino è piuttosto corto, per questo è opportuno che mangi frequentemente ma in piccole quantità. I cuscinetti plantari contengono al loro interno varie ghiandole sudoripare e sono per il gatto l’unica fonte di sudore. Pertanto non meravigliatevi se il vostro micio, forse perché spaventato o accaldato, lascia a volte impronte umide al suo passaggio.

Acquista su Amazon il cibo per gatti

Caratteristiche del gatto: i sensi

Tra le caratteristiche del gatto vanno annoverati i suoi straordinari sensi. E’ molto reattivo ai movimenti rapidi, la sua vista gli consente di calcolare le distanze con una certa precisione. Grazie a un particolare strato di cellule riflettenti, cosiddette “tappeto lucido”, poste subito dietro la retina, il gatto riesce a muoversi con disinvoltura anche di notte, i suoi occhi riescono al buio ad aumentare di 40-50 volte la luminosità funzionando in pratica come dei catarifrangenti. I nostri amici hanno invece una minore abilità nel visualizzare i dettagli e nel discriminare i colori: sembra possano percepire le gradazioni di blu e verde nelle loro combinazioni, ma che non vedano il colore rosso.


L’udito è particolarmente sviluppato, grazie anche alla capacità di orientare i padiglioni auricolari, detti “le grandi pinne”. Per localizzare con precisione l’origine di un suono, i gatti devono restare immobili e puntare le mobilissime pinne verso la sorgente sonora.

L’olfatto viene utilizzato per decidere se cibarsi o se rifiutare un alimento. Sarà questo senso, non il gusto, a decidere se il cibo è di suo gradimento. L’olfatto è importante anche nella vita sociale. I gatti utilizzano, infatti, l’odore del corpo per riconoscersi individualmente e come gruppo familiare. Le femmine riconoscono i figli e segnalano ai maschi la disponibilità all’accoppiamento attraverso l’odore, gli adulti segnalano la propria presenza sul territorio marcandolo con l’odore delle ghiandole sudoripare e sebacee.

Caratteristiche del gatto: l’equilibrio

Il gatto è un abilissimo acrobata, grazie al suo sviluppatissimo sistema vestibolare che regola l’equilibrio, posto all’interno dell’orecchio. Riesce ad arrampicarsi su spazi verticali impensabili, a saltare con estrema disinvoltura in altezza e lunghezza, a passeggiare senza avere vertigini e incertezze su cornicioni stretti e alti. Nel gatto i movimenti della testa, degli occhi e dei muscoli del corpo sono in parte riflessi generati proprio dagli stimoli ricevuti dal sistema vestibolare.

Acquista su Amazon il cibo per gatti


ARTICOLI CORRELATI

> Indice generale Gatti